Pubblicità

Nuovi clamorosi sviluppi nell’inchiesta relativa ai rapporti tra Juventus e ‘ndrangheta. Come scrive Dagospia, il presidente Andrea Agnelli va incontro a una squalifica di tre anni, che gli sarebbe dovuta essere comunicata già qualche mese fa, ma è stata rinviata per la concomitanza con la finale di Champions League di Cardiff. Il numero uno del club bianconero starebbe trattando con presidente della Figc Carlo Tavecchio, per cercare di commutarla in una sanzione economica: la Federazione vorrebbe chiedere 10 milioni di euro, mentre la Juve non vorrebbe andare oltre i 2 milioni e mezzo.

AGNELLI RILANCIA – In caso di squalifica, il futuro del club sarebbe in mano a John Elkann, che dovrebbe decidere con chi sostituire il cugino Andrea alla presidenza. Agnelli, però, starebbe lavorando per acquistare da Exor la societàe starebbe trattando con due fondi americani per arrivare al miliardo e 800 milioni di euro di valutazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here